800 192716 LUN. VEN. 09.00 - 13.00 | 14.00 - 18.00 Via Laurentina km 23,000 Pomezia (RM)

Guida alla sicurezza dei playground

Come far giocare i bambini senza rischi, garantendo la sicurezza dei playground.

Il playground, si sa, rappresenta l’attrazione di richiamo.
Per questo motivo è anche l’attrazione che riceve maggiori sollecitazioni, dove i bambini si scatenano, distruggendo anche l’indistruttibile.

Per questo quello che possiamo consigliare è di tenere sempre massima l’attenzione alla sicurezza di questi giochi.

Fascette

Le fascette devono essere sempre tutte integre e non devono presentare parti sporgenti che possano graffiare o addirittura ferire i bambini.
Non bisogna mai utilizzare le fascette “da elettricista”; non sono adatte a questo scopo.
La fascetta, oltre ad essere colorata, deve anche essere morbida al tatto e non rigida, altrimenti dopo un mese si spezza da sola.

Reti di protezione

Le reti di protezione devono essere sempre in tiro ed integre.
I bordi perimetrali non devono essere esterni alle coperture anti trauma ma devono essere fissati alla struttura in acciaio del playground (praticamente devono scomparire dentro al tubolare di copertura).

Tubolari di copertura

I tubolari di copertura devono essere integri, senza parti ferrose a vista, soprattutto nei punti in cui i bambini tendono ad appoggiarsi maggiormente, come nell’ingresso, verso l’uscita e subito prima dello scivolo.

E ricorda
Altri componenti vanno tenuti sottocchio.

Per esempio tutti gli elementi in gommapiuma sui quali, col passare del tempo, il pvc di copertura tende a consumarsi, per lo sfregamento dovuto al contatto con i bambini.
Se la gommapiuma fuoriesce è molto probabile che si rompa in tanti piccoli pezzi e venga ingerita dai bambini stessi.

Molti dei componenti interni al playground poi, come pianali, scivoli, ponti, scale, altalene, passaggi, sono fissati alla struttura con viti o bulloni.
E’ molto importante che tutta la bulloneria sia ispezionata periodicamente. Questo eviterà che qualcosa si sganci o si rompa, con il rischio di caduta dei bambini, inoltre eviterà che le piccole parti in acciaio vengano accidentalmente ingerite.

E poi le palline.
Sono bellissime, piacciono tanto, anche se chi gestisce una ludoteca spesso le odia. Quante volte ti sei detto “ne farei volentieri a meno”? tutte le sere VANNO raccolte e si ritrovano nei posti più impensabili.
Ma devono esserci e soprattutto bisogna usarle nel modo giusto. Periodicamente la vasca va svuotata, le palline vanno lavate e disinfettate; la piscina va pulita per bene.

Altro punto d’attenzione sono i tappetini antitrauma posizionati sotto al playground.
Se hai quelli da 1 cm, sappi che non sono idonei per attutire la caduta da 120 cm di altezza; ti occorrono tappetini da almeno 2,5 cm.

Se dovesse accadere qualcosa, il rischio è che l’assicurazione verifichi appunto lo spessore dei tappetini e non copra il risarcimento dell’eventuale infortunio.
E, in questo caso, i problemi sarebbero sia di carattere penale che economico.

Ultimo punto da verificare è il collaudo annuale.

Diamo per scontato che il tuo playground abbia il log book (Libretto d’uso e manutenzione), la targhetta con il codice identificativo registrato e abbia passato il primo collaudo.

Sai però che tutti gli anni questo collaudo va rinnovato?
E deve essere rinnovato da un tecnico abilitato!
Il rischio di non farlo è sempre che l’assicurazione non garantisca la copertura in caso di incidente su un gioco con il collaudo scaduto.

Hai bisogno di maggio informazioni sulla normativa della sicurezza?